Quanto Ti Piace Il Caffè? Il Test Del Sangue Può Dire


Lo studio ha scoperto questo nuovo metodo per sapere come diversi farmaci interagiscono nel corpo.

La maggior parte di noi ha bisogno la nostra dose quotidiana di caffè per la funzione. Una tazza di caffè rinvigorisce e ci porta in un batter d’occhio. Così fanno altre bevande contenenti caffeina come tè, soda, bevande e viveri come il cioccolato. Questi coinvolgente, cibi e bevande sono una parte importante della nostra dieta quotidiana. Tanto, si possono trovare nel nostro sangue! Sorpreso? Così eravamo noi, quando abbiamo avuto modo di conoscere questo. Un recente studio ha scoperto che i nostri esami del sangue si può divulgare quanto caffè e altre bevande che consumiamo regolarmente, insieme con altri integratori e over-the-counter farmaci.

Gli scienziati della Oregon State University impostato per valutare il potenziale di interazioni tra botanico di integratori alimentari e il metabolismo del farmaco. Essi sembrano aver trovato questo nuovo metodo per sapere come diversi farmaci interagiscono nel corpo.

Richard van Breemen e Luying Chen studiato 18 lotti di presunto puro siero di sangue umano in pool da più donatori. La squadra di provenienza di questi campioni biomedici fornitori che passano lungo inventario banche del sangue, che stanno andando a essere scaduto.

(Leggi Anche: Quanti Caffè Ogni Giorno, Senza Danneggiare La Vostra Salute?)

campione di sangue

I campioni di sangue può contenere tracce di caffeina e over-the-counter farmaci.

Luying Chen, Ph. D. studeny ha detto, “Da una” contaminazione ” punto di vista, la caffeina non è una grande preoccupazione per i pazienti, ma gli altri farmaci in ci potrebbe essere un problema per i pazienti.”

I ricercatori hanno anche testato pool di siero anti-ansia farmaci (alprazolam), sedativo della tosse (destrometorfano) e tolbutamide, un farmaco usato per trattare il tipo 2 del diabete. Durante lo studio, i ricercatori hanno scoperto che il pool di siero era libero di tolbutamide, ma otto campioni contenuti destrometorfano e 13 contenuti di alprazolam.

I risultati dello studio suggeriscono che, mentre il ricevente la trasfusione di sangue, la possibilità per i pazienti di ricevere la caffeina, tosse medicina e un anti-ansia di droga sono molto elevate. Lo studio è stato pubblicato nel Journal of Pharmaceutical e Analisi Biomediche.

Van Breemen, il direttore di OSU Linus Pauling Institute ha concluso, “Senza fare una rassegna completa dei fornitori e banche del sangue e possiamo solo speculare su quanto è diffuso il problema è”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *