PhonePe, Google Paga Può Essere Colpito da NPCI Nuovo Zero UPI Interchange, il Prestatore di servizi di Pagamento Spese di Regola


Attraverso una circolare venerdì, Pagamenti Nazionali Corporation of India (NPCI) ha detto che ha deciso di rivedere l’UPI scambio e del prestatore di servizi di pagamento spese per “zero” per tutte le nazionali UPI merchant (P2M) le operazioni con effetto retroattivo dal 1 ° gennaio 2020.

L’abolizione delle tasse è stato fatto per un periodo transitorio, fino al 30 aprile 2020, secondo la circolare.

La stessa non è applicabile ai servizi mandati, EMI, scoperto di conto, e business-to-business (B2B) incassi e pagamenti.

La mossa di farla finita con questi le commissioni per le transazioni, che arriva dopo l’abolizione del Mercante Tasso di Sconto (MDR).

Con le banche non in grado di caricare i commercianti qualsiasi MDR per RuPay carta di debito e UPI transazioni, è stato previsto che le avrebbero dato la valvola di sfiato di non pagare una tassa per le altre parti interessate.

Tuttavia, la mossa può colpire i ricavi di pagamenti digitali giocatori come PhonePe, Pay Google e Amazon Pagano che hanno speso pesantemente per afferrare una maggiore quota di mercato nel UPI ecosistema.

Per esempio l’abolizione dell’UPI di interscambio e PSP tariffe per tutte le nazionali UPI mercante di transazioni viene fornito con effetto retroattivo, dal 1 gennaio, non è ancora noto come la tassa già raccolti finora recuperati.

La rinuncia della PSP tassa difficilmente lascia spazio per le Applicazioni di Terze Parti (TPAs) come Google Pagare, PhonePe, Amazon Paga e gli altri per guadagnare qualcosa su UPI transazioni.

In ogni UPI P2M operazioni, queste TPAs in media fanno di circa Rs. 0.30 – 0.35 attraverso PSP pagamento.

Resta da vedere che cosa futura generazione di ricavi flussi possono aiutare questi pagamenti digitali giocatori di rimanere a galla.


Possono Samsung Galaxy S10 Lite, Nota 10 Lite detronizzare OnePlus 7T? Abbiamo discusso di questo Orbital, il settimanale di tecnologia podcast, che è possibile sottoscrivere tramite Apple Podcast, di RSS, scaricare l’episodio, oppure premere il pulsante play qui sotto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *