Nazionale Di Selezione Devang Gandhi Rimosso Dal Bengala Spogliatoio Per L’Ingresso Non Autorizzato


Nazionale di selezione Devang Gandhi giovedì sofferto l’imbarazzo quando gli fu chiesto di lasciare il Bengala Ranji team spogliatoio per violazione del protocollo, una carica rifiutata da lui. L’incidente è avvenuto quando il secondo giorno è stato bloccato a causa di una cattiva luce e Gandhi entrato in spogliatoio, cercando la squadra di physio. BCCI anti-corruzione ufficiale Soumen Karmakar chiesto Gandhi a lasciare lo spogliatoio, dopo che l’ex capitano Manoj Tiwary citato anti-corruzione del protocollo, in cui si specifica che solo i giocatori e il team dello staff di supporto possono essere presenti nello spogliatoio.

“Dobbiamo seguire ciò che è contenuto nella anti-corruzione protocollo. Nazionale di selezione non può entrare in spogliatoio senza autorizzazione. Solo i giocatori e i funzionari, che hanno la loro tazza di colpi all’ingresso può ottenere l’accesso negli spogliatoi,” Tiwary, ha detto.

Gandhi, anche se ha detto di prendere il permesso dal anti-corruzione ufficiale prima di entrare in spogliatoio.

“Non avevo seguito ogni protocollo. Sono stato invitato dal Bengala allenatore Arun Lal per lo spogliatoio. Lui è stato il mio primo capitano. Ho un problema, così ho preso un permesso e ha chiesto il Bengala fisioterapista per venire per la sala medica. Ma Manoj sembrava avere problemi con esso”, Gandhi ha detto PTI.

La zona Est di selezione, ha detto Tiwary, che ha giocato con lui in un paio di Ranji stagioni, ha fatto qualcosa che era fuori per.

“Non sono io, ma l’intero Bengala cricket fraternità è brutta sensazione su di esso. Non ho nulla contro il Sig. Non è un grande esempio di set (da Tiwary) per i giovani”, ha aggiunto.

Secondo le fonti, la questione dovrà essere riferita al BCCI Presidente Sourav Ganguly.

Gioco è stato tenuto per due volte a causa della cattiva luce nella prima sessione, con una parziale eclissi solare come Bengala”s primo inning piegato per 289.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *