Google ha Detto di Mull questioni di Licenza Con gli Editori a Pagare il Premio di Notizie


Google è in discussioni tratta di pagare le organizzazioni dei media per i contenuti, una mossa volta a smorzare le critiche che ingiustamente profitti da copyright di notizie in base alle persone che hanno familiarità con i colloqui. Le trattative tra il gigante di internet e agenzie di stampa sono stati detto di essere nelle prime fasi, con la maggior parte degli editori con sede in Francia e in altre parti d’Europa. Pagare per la notizia si discosta dall’Alfabeto di proprietà di internet titan pratica di liberamente di data mining internet per materiale che mostra nei risultati di ricerca.

Un accordo di licenza sarebbe probabilmente essere accolti da agenzie di stampa che sostengono di Google trae profitto da annunci a fianco dei loro articoli di notizie, tra cui “frammenti” nei risultati di ricerca.

Contattato dall’AFP venerdì, Google è indicato che è alla ricerca di nuovi modi per aiutare gli editori.

“Vogliamo aiutare le persone a trovare il giornalismo di qualità-è importante per la democrazia informata e contribuisce a sostenere un sostenibile novità del settore,” Google Vice Presidente di News Richard Gingras, ha detto in una dichiarazione.

“Ci preoccupiamo molto di questo e sta parlando con il partner e guardando più modi per espandere il nostro lavoro in corso con gli editori, la costruzione di programmi come Google News Iniziativa.”

Il Wall Street Journal ha riportato in precedenza venerdì Google stava prendendo in considerazione offerte per “premium”, novità di prodotto.

La California gigante tecnologico ha rimase fermo proposito di non pagare per le notizie e collegamenti articolo visualizzato nei risultati di ricerca e non è cambiando la posizione, persone che hanno familiarità con la materia ha detto AFP.

Esso ha sostenuto che indirizzano il traffico verso siti di news e, di conseguenza, aiuta a quegli editori di ottenere ricavi dalla pubblicità.

Google News Iniziativa funziona con gli editori per incoraggiare i lettori e gli abbonamenti a pagamento per le loro offerte.

Facebook, che è stato colpito con la critica simile, l’anno scorso ha lanciato un apposito “news” scheda professionale-prodotto contenuto-una mossa del social network per promuovere il giornalismo e versò la sua reputazione come una piattaforma per la disinformazione.

Facebook è stato previsto il pagamento di alcune agenzie di stampa, secondo quanto riferito milioni di dollari in alcuni casi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *