Enoclofobia (la paura della gente): cause e sintomi


Qual è la enoclofobia? Che tipo di fobia è?

Si tratta di una fobia che colpisce quelle persone che si sentono una grande paura della gente. Tuttavia, occorre distinguere da agorafobia (la paura appare la prospettiva di non essere in grado di sfuggire a una situazione di emergenza o di avere un attacco di panico).

In questo articolo andremo a spiegare alcune delle caratteristiche di questa fobia, e in aggiunta ci sarà discutere di ciò che causa può essere la causa, quali sono i suoi sintomi caratteristici e dei suoi trattamenti.

Enoclofobia: caratteristiche

Il enoclofobia (chiamato anche demofobia) è la paura della gente. Che è a dire, è una fobia specifica (un disturbo d’ansia); il suo sintomo principale è la paura di intensa paura o ansia intensificata in situazioni in cui ci sono un sacco di persone.

In termini di caratteristiche, il enoclofobia è più comune nelle donne rispetto agli uominid’altra parte, sono normalmente sviluppati nella prima età adulta.

Può accadere che le persone con enoclofobia per nascondere il disagio associato con il fatto di essere circondato da persone (vale a dire, che supportano tali situazioni con un elevato livello di ansia), oppure può essere che semplicemente evitare questo tipo di situazioni.

I principali sintomi della enoclofobia sono: irrequietezza, nervosismo, sudorazione, vertigini, ansia, ecc…. Le persone che ne soffrono possono anche venire a sentire che presto avrà un attacco di panico.

È normale la paura folle?

È normale la paura folle? Il poeta e scrittore Walter Savage Landor ha detto, “so che è possibile chiamare me orgoglioso, ma io odio la folla”. Anche se, è lo stesso odio che ha paura? Non logicamente, e come sappiamo, nel fobia, il sintomo principale è la paura di un consumo eccessivo di qualcosa.

Così, anche se generalmente le fobie, le paure sono irrazionali e/o sproporzionato, è anche vero che, sempre in agguato qualcosa di realtà o la verità. Vale a dire, gli stimoli temuti, a volte, possono anche fare danni, quello che succede è che la fobia, la paura che appare eccessivo, rigida e troppo intenso (non modulare).

In questo modo, cercando di rispondere alla domanda se è normale la paura folle (nel senso “normale”, così come “al solito” o come “politica), diciamo che in parte, sì, è normale la paura folle, come nel caso di valanga umana, per esempio, si potrebbe essere in pericolo.

Anche se questo tipo di situazioni non devono verificarsi, quando ci troviamo in una stanza chiusa, non è molto grande, ecc, siamo in grado di sentire che l’ansia, ed è logico. Siamo in grado di sopraffare. Quello che succede è che, in caso di enoclofobia, la paura è esagerata, e produce un’interferenza nella vita di un individuo.

Sintomi

Come tutte le specifiche, fobia, il enoclofobia presenta una serie di sintomi caratteristici. Questi sono a livello cognitivo (per esempio pensare “sto per morire”), fisiologici (per esempio tachicardia) e comportamentali (ad es. evitare). Stiamo andando a vedere con un po ‘ più in dettaglio, nel corso di questa sezione.

Così, oltre alla paura irrazionale, intenso e sproporzionato con il pubblico (che si può svegliare la semplice idea di essere con molte persone, o vedere le folle per la televisione, ecc), si aggiunge un altro tipo di sintomi. A livello cognitivo, per esempio, possono sorgere difficoltà di attenzione e/o di concentrazione, sensazione di giramento di testa, confusione, restringimento dell’attenzione, ecc

D’altra parte, il fisico/psico-fisico, in enoclofobia compaiono sintomi quali mal di testa, senso di oppressione al petto, sudorazione, ecc A livello comportamentale, si parla di evasione è una caratteristica di fobie; in caso di enoclofobia, la persona che vorresti evitare situazioni in cui ci sono grandi folle di persone (ad esempio manifestazioni, locali notturni, centri commerciali, ecc

Dovrebbe essere chiaro che ci riferiamo qui folla un sacco di persone insieme, e “ingranaggio” (vale a dire, non solo che “molte persone”, ma persone vicine l’una all’altra).

In sintesi, alcuni dei sintomi più importanti della enoclofobia sono:

  • Tremori
  • Hyperactivation
  • Suda
  • Vertigini
  • Pensieri di morte
  • I pensieri irrazionali
  • L’ansia di alta
  • Intensa paura
  • Tachicardia
  • Il disagio
  • Nausea
  • Vomito
  • Iperventilazione
  • Mal di testa
  • Il dolore toracico
  • Confusione
  • Ecc.

Cause

Le fobie specifiche sono i disturbi d’ansia, che vengono acquisiti per un motivo o per un altro; che è a dire, non è che “nascono” con uno di loro, ma piuttosto che il “impariamo”. In generale, le fobie sono acquisite attraverso esperienze traumatiche legate allo stimolo o situazione fobica.

In caso di enoclofobia, è probabile che la persona ha vissuto una situazione traumatica relative alla folla, per esempio, che c’è un senso che egli era a corto di fiato, in un tempo determinato con molte persone vicino a voi, che siete stati “schiacciati” in una sorta di umana attuale, che è stato male per colpa di qualsiasi moltitudine, che ha avuto un attacco di panico in situazioni simili, ecc

Ricordiamo la tragedia di Madrid Arena”, per l’anno 2012, che è morto 5 ragazze a causa di una valanga umana in uno spazio chiuso (sala), dove c’erano più persone di quanto consentito dalla legge. Esperienze, per i sopravvissuti, che può portare a un enoclofobia.

Trattamento

I principali trattamenti che, a livello psicologico, per combattere le fobie specifiche sono: la terapia cognitiva (o terapia cognitivo-comportamentale) e la terapia di esposizione.

In caso di terapia cognitiva, si lavora con il paziente per eliminare i pensieri irrazionali associato alla folla, così come le errate convinzioni che si hanno nei loro confronti (per esempio, pensare che uno morirà imminente (tipico sintomo di attacco di panico), pensando di morire schiacciato o soffocato dalle persone, ecc).

Che dire, analizzeremo queste convinzioni a valutare, con il paziente, il loro grado di realismo e verosimiglianza, e cercherà di cambiare le altre credenze più realistico, adattivo e positivo. L’obiettivo è anche quello di rimuovere la grande paura di stare in mezzo a così tante persone, anche se non è male per evitare grandi folle di persone (in realtà molte persone di evitare) sì non è in grado di fare una vita “normale” a causa di questo (almeno, non è adattiva, e può compromettere la qualità di vita di uno).

In quanto riguarda la terapia di esposizione, è possibile utilizzare diverse versioni delle tecniche di esposizione. Questi consistono di esporre il paziente al temuto che la situazione; nel caso di enoclofobia di esporre il paziente gradualmente per essere tra molte persone.

Questo è fatto tramite una gerarchia di oggetti; si potrebbe iniziare a guardare da lontano luoghi pieni di persone, a un aumento graduale di “difficoltà” (per aumentare la vicinanza, il numero di persone, contatti, ecc).

Non dobbiamo dimenticare che in ordine per questi trattamenti, per essere efficace, è necessario che il paziente vuole veramente superare il enoclofobia. Questa decisione deve essere tua, perché è l’unico modo per avere la motivazione necessaria per il cambiamento.

Riferimenti

  • L’Associazione americana di psichiatria –APA- (2014). Il DSM-5. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. Madrid: Panamericana.

  • Belloch, A., Sandín, B., e Ramos, F. (2010). Manuale di Psicopatologia. Volume I e II. Madrid: McGraw-Hill.

  • Pérez, M., Fernandez, J. R., Fernandez, C. e Amico, I. (2010). Guida psicologica trattamenti efficaci I e II:. Madrid: Piramide.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *